I miei obiettivi

Campionessa malgrado la poliomelite

Wilma Rudolph

Wilma Rudolph cresce in una famiglia nera e povera del Tennessee. A quattro anni è colpita dalla poliomelite. La gamba e il piede destri sono paralizzati. La sua grande volontà e fede l’aiutano a combattere la malattia. A 11 anni abbandona le stampelle. Il suo talento per la corsa è scoperto rapidamente. Si allena assiduamente e si qualifica per i Giochi di Melbourne del 1956. A 16 anni vince la medaglia di bronzo nella staffetta! I Giochi olimpici del 1960 a Roma sono una marcia trionfale per la ragazzina guarita dal suo andicap. Wilma vince i 100 e I 200 metri e anche la staffetta a squadre dei 4 x 100 metri! La «gaz-zella nera» diventa un modello per il movimento americano per i diritti civili di Martin Luther King. L’atleta crea anche la «Wilma Rudolph Foundation» che sostiene i giovani talenti sportivi di colore.

 

Maggiori informazioni sull’argomento:

Chi la dura la vince Indietro non si torna

Ricerca

Temi (0 di 0)

Nessun risultato

Shop (0 di 0)

Nessun risultato

Download (0 di 0)

Nessun risultato

Login

Registrati ora e approfittane

  • Ricevi gratuitamente una t-shirt «cool and clean».

  • Raggruppa i tuoi preferiti.

  • Commenta i singoli contributi, aiutandoci così a migliorare la qualità.

  • Rimani sempre aggiornato con la nostra newsletter.

  • Approfitta del supporto da parte del consulente cantonale.

Registrati

Modifica password

Inserisci una nuova password

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Reimposta la password

Inserisci una nuova password

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Reimposta la password

Inserisci il tuo indirizzo e-mail

Indirizzo e-mail non valido.