Doping

Il successo ad ogni costo

La mezzofondista Süreyya Ayhan negli anni Novanta era una delle più grandi speranze turche dell’atletica leggera. Nel 2001, in occasione dei mondiali svoltisi nella località canadese di Edmonton percorse i 1500 metri in 4'08"17, piazzandosi all’ottavo posto. L’anno seguente conquistò a sorpresa il titolo di campionessa europea con il tempo di 3'58"79. Una progressione che diede vita a diverse spe culazioni e un anno più tardi i dubbi furono confermati. L’atleta tentò infatti di sottrarsi ad un test antidoping sostituendo la provetta contenente le sue urine e fu squalificata per due anni. Nel 2007, poco dopo essere tornata alle competizioni, risultò nuovamente positive ad un test antidoping e fu squalificata a vita. Nel 2008, la federazione sportiva turca ridusse però la squalifica a quattro anni. Un suo ritorno alle competizioni non è tuttavia realistico.

 

Maggiori informazioni sull’argomento:

Situazioni di rischio per i trasgressori Controlli antidoping Un tragico caso di doping

Die Geschichten bleiben leider nicht lange im Gedächtnis der Leser.

Gregor

Corinne

Leider erliegen immer wieder talentierte Sportler der Versuchung durch Doping ihre Erfolge zu boosten, schade ...

Friedrich

Ricerca

Temi (0 di 0)

Nessun risultato

Shop (0 di 0)

Nessun risultato

Download (0 di 0)

Nessun risultato

Login

Registrati ora e approfittane

  • Ricevi gratuitamente una t-shirt «cool and clean».

  • Raggruppa i tuoi preferiti.

  • Commenta i singoli contributi, aiutandoci così a migliorare la qualità.

  • Rimani sempre aggiornato con la nostra newsletter.

  • Approfitta del supporto da parte del consulente cantonale.

Registrati

Modifica password

Inserisci una nuova password

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Reimposta la password

Inserisci una nuova password

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Reimposta la password

Inserisci il tuo indirizzo e-mail

Indirizzo e-mail non valido.